Cosmopolis

Di: David Cronenberg

Visto con un ritardo di: meno di un anno!

In: inglese

IMDb

Perché sì:

– A metà film grazie a dio inizia a esserci un pochino di tensione che non ti aspetti, viste le premesse. Il tutto è generato da una svolta a sorpresa, qualche attimo di azione in un universo di parole e discorsi soporiferi. Si tratta tra l’altro di una piega strana e per lo più inspiegata (anche se di supposizioni per motivarla se ne possono certo fare), e che tale rimane fino alla fine. Cronenberg è molto bravo nel riuscire a tenere viva una tensione basata su quel poco che vediamo, senza trasformare il tutto in un vero e proprio thriller ma mantenendo invece un tono piuttosto sommesso.

– L’intenzione di inquietare, di far pensare e addirittura spaventare il pubblico riguardo ai tempi e alla società in cui viviamo è lodevole. Il guscio che protegge la finanza dal mondo che sta fuori è ben rappresentato, così come il crollo di tutte le certezze del singolo individuo e della comunità intera. Nonostante questo, il film non riesce a fare presa e a mandare un messaggio che colpisca davvero.

– Turtle mi ha giustamente fatto pensare alle sprovvedute fan del protagonista di Twilight che si avventureranno nella visione di questo film solo a causa della presenza del loro attore preferito, senza sospettare minimamente che cosa le aspetta. Già questo mi fa sorridere, non senza una punta di cattiveria. Come se non bastasse, a pochi minuti dall’inizio compare Jay Baruchel, e viene data anche a me la possibilità di farmi venire un po’ gli occhi a cuore.

– Non scrivo di cosa si tratta per non spoilerare, ma io l’avevo visto subito. E mi sono gasata non poco, quando tutto viene svelato alla fine, per il fatto di averlo visto subito. Oltre che ai miei dieci decimi, però, indubbiamente qui ci sta un plauso al regista per aver giocato con quei pochi secondi in modo che allo stesso tempo possano essere notati e sembrino uguali a tutto il resto (non si capisce, lo so, ma se avete visto o vedrete il film forse sarà più chiaro).

Perché no:

– La prima parte del film è a dir poco pallosa, piena di discorsi empirici decisamente troppo trascinati e di interlocutori che non sono riuscita a inquadrare e a cui non sono riuscita a dare importanza perché fanno solo una veloce (e nonostante questo a volte interminabile) apparizione. La moglie e la guardia del corpo, che sono tra i personaggi più stabili e ricorrenti, vengono sviluppati troppo poco e con dei dialoghi alquanto innaturali, lasciando lo spettatore confuso. Mi sembra di capire da quanto leggo in rete che il regista si sia attenuto abbastanza fedelmente al libro di DeLillo, ma non credo che questa sia una giustificazione. Ci vuole davvero del fegato per andare avanti, ma per fortuna poi qualche soddisfazione arriva.

– A mio avviso anche il protagonista non è credibile. Un giovane multimilionario alla ricerca di brividi e movimento, annoiato da tutto, deluso dalla vita e dall’amore: sulla carta è perfetto, quasi scontato. Ma di fatto nella rappresentazione del finanziere, della sua vita e dei suoi problemi manca qualcosa… probabilmente un lato umano con cui empatizzare. O forse semplicemente è meglio che Pattinson si limiti a sfoderare i canini altrove.

– La denuncia della società moderna e del capitalismo, come accennato sopra, non viene fatta nel modo migliore. È probabile che riuscendo a prestare la dovuta attenzione ai lunghi discorsi tra il protagonista e i vari interlocutori si possano trovare qua e là delle nozioni molto profonde e interessanti. Ma se per trovarle è necessario lottare contro la noia e filtrare vagonate di parole inutili e pompose, personalmente preferisco lasciar perdere e cercare spunti altrove.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.