Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza

Titolo originale: En duva satt på en gren och funderade på tillvaron

Di: Roy Andersson

Visto con un ritardo di: 1 anno

In: Italiano

IMDb

Perché sì:

– Gli ingredienti c’erano tutti: il regista nordico, un titolo geniale, la comicità mischiata alla tristezza. Diciamo che non è andata come speravo.

– Se si riesce a stare svegli per tutto il film, alcune “ironie” sulle conversazioni futili di ogni giorno sono piuttosto azzeccate e ci sono degli spunti interessanti sulla tristezza e la crudeltà della società moderna. Come si suol dire, si prende quel che passa il convento.

Perché no:

–  Ironia è una parola grossa, in questo caso enorme. Forse la comicità nordica non è troppo nelle mie corde, ma è evidente che questa voleva essere una commedia amara e io ho riscontrato solo il lato amaro del tutto. Tra uno sbadiglio e l’altro.

– Sembra che la parola più usata per descrivere questo film sia “surreale”. Mi sta benissimo, ma mi sta meno bene che venga usata per far passare per interessante una cosa noiosa, noiosa, e ancora noiosa.

– Ho avuto l’impressione di guardare quei programmi orribili che Italia 1 propina all’ora di cena, con una serie di scenette con interpreti e scenari diversi, montate senza alcun collegamento tra loro. Lo sforzo di far ridere era praticamente lo stesso, così come purtroppo il risultato.

2 risposte a “Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza

  1. Quindi non lo consigli, vero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.