Archivi categoria: Libri

Leggete Kobane calling, fate i bravi

IMG_20160603_231247

Zerocalcare, Kobane Calling

A volte è meglio ignorare

L’ignoranza volontaria era un importante mezzo di sopravvivenza, forse il più importante di tutti.

Jonathan Franzen, Le correzioni

Se mai lo sapremo.

Dovrebbe bastar questo, dire di uno come si chiama e aspettare il resto della vita per sapere chi è, se mai lo sapremo, poiché essere non significa essere stato, essere stato non significa sarà.

José Saramago, Memoriale del convento

Questa vale sempre (e non solo per me)

Tertuliano Màximo Afonso non appartiene a quel numero di persone straordinarie che son capaci di sorridere anche quando sono sole, la sua indole è piuttosto incline alla malinconia, al raccoglimento, a un’esagerata consapevolezza della transitorietà della vita, a un’inguaribile perplessità dinanzi a quegli autentici labirinti cretesi che sono i rapporti umani.

José Saramago, L’uomo duplicato

I’m very scared, Buster. […] Because it could go on forever. Not knowing what’s yours until you’ve thrown it away.

Truman Capote, Breakfast at Tiffany’s

Già.

Ogni relazione ha i suoi difetti, tanto più la nostra: ci siamo incontrati venendo da due mondi diversi, e da quando ci conosciamo la vita di ciascuno di noi ha preso un corso completamente nuovo, ci sentiamo ancora insicuri, ma appunto perché tutto è troppo nuovo.

Franz Kafka, Il Castello

Quand’è che giochiamo a Trivial Pursuit?

Io: Come Jean Valjean, hai presente?

Turtle: Uhmm…

Io: Quello dei Miserabili.

Turtle: Ah sì, ho capito! Quel romanzo ambientato al sud, giusto?

Io: No, amore, non i Malavoglia. I Miserabili.

“E lo sai perché Dio ha dato all’uomo una vita più lunga di quella degli animali? – No, non ci ho mai pensato… – Perché gli animali vivono seguendo il loro istinto e non fanno sbagli. L’uomo vive seguendo la ragione, quindi ha bisogno di una parte della vita per fare sbagli, un’altra per poterli capire, e una terza per cercare di vivere senza sbagliare”.

Nicolai Linin, Educazione siberiana

Bello eh, il Kindle, ma con la carta certe cose non mi capitavano così, a tradimento

E per chi fosse interessato: sì, sono ancora alle prese con I fratelli Karamazov. Però l’aggeggio dice che sono all’86%!

Buon weekend lungo

Oh, Signore, se solo si pensa quanto ha sacrificato l’uomo alla fede, quante energie ha dissipato per questo sogno, da migliaia d’anni ormai!

Fëdor Dostoevskij, I fratelli Karamàzov