Archivi tag: Film muto

The Artist

Di: Michel Hazanavicius

Visto con un ritardo di: meno di un anno

In: inglese

IMDb

Perché sì:

– Potrebbe sembrare che l’aver fatto un film muto in bianco e nero sia metà dell’opera, nel senso che una trovata del genere attira ovviamente l’attenzione anche solo per la sua originalità. Io credo che non sia una scelta così semplice od opportunistica, e che il rischio di creare qualcosa di inguardabile fosse parecchio alto. Invece il film riesce a richiamare elegantemente un genere dimenticato e a ridargli dignità. Inoltre, l’uso del suono unicamente in due momenti del film è molto incisivo, soprattutto se paragonato alle musiche che fanno da sottofondo a tutte le altre parti.

– C’è simbolismo in ogni dove. Ci sono accenni, dritte, suggerimenti. È un simbolismo semplice da identificare, senza pretese di nessun tipo, usato esplicitamente per aiutare a percepire le sensazioni e le atmosfere senza che la parola sia coinvolta.

– Diverse scene colpiscono per il forte senso estetico o per le geometrie che vengono esaltate, complice il bianco e nero. Elenco brutale di quelle che mi vengono in mente al momento: la protagonista che amoreggia col frac, il protagonista che beve sullo specchio, le scale dove si scambiano il numero di telefono viste da lontano, le sedie dell’intervista al ristorante.

– Voglio tutti i vestiti della protagonista. Tutti, ho detto.

Perché no:

– Forse è solo la mancanza di abitudine al muto, ma in alcune parti la recitazione dà l’impressione di essere un po’ troppo calcata, di dar vita a un caricatura più che a una descrizione realistica.

– ***Qui c’è uno spoiler, se leggete poi non rompete le palle, io vi ho avvisati***  Non ho colto che lui fosse straniero fino alla battuta finale. Il nome non era un indizio sufficiente, ma forse questa poca chiarezza era voluta. A dirla tutta, questo dettaglio rende tutto il resto della vicenda un po’ meno drammatico, quasi comico. La storia avrebbe funzionato anche reggendosi sul fatto che lui venisse semplicemente considerato a fine carriera perché inadatto al suono.