I sogni segreti di Walter Mitty

Titolo originale: The secret life of Walter Mitty

Di: Ben Stiller

Visto con un ritardo di: meno di un anno!

In: inglese

IMDb

Perché sì:

– La prova che non si deve dare per forza retta alle recensioni (scritte o verbali): me lo avevano sconsigliato tutti, invece ho fatto bene a fidarmi dell’unico parere positivo, venuto evidentemente dalla persona giusta.

– Il film visivamente è bello di una bellezza ovvia, forse poco innovativa. Ma pur sempre di bellezza si tratta, quindi io mi sono comunque fatta rapire e trasportare senza opporre resistenza.

– Ben Stiller fa la persona seria, ma per fortuna non fino in fondo. Evidentemente non ha resistito al richiamo del suo essere un minchione e ha infarcito i dialoghi di battutine nel suo stile, che ho apprezzato molto. Perché se un uomo è un minchione, per me ha già vinto.

– La fotografia è grande protagonista sia esplicitamente, come parte integrante della storia, che implicitamente (si fa per dire), con delle inquadrature spettacolari e di una bellezza di cui al punto 2. E anche qui Ben mi ha guadagnato tanti punti.

Perché no:

– La parte della storia d’amore è un po’ tonta. Parecchio tonta, anzi. Tutte queste cose in comune che vengono fuori per caso in tre conversazioni risicate e combaciano alla perfezione… mi pareva di stare nella canzone di Silvestri: “maddai, abbiamo due braccia due mani due gambe due piedi due orecchie ed un solo cervello”! Il livello è un po’ quello, insomma.

– Ok lo ammetto, anche il resto della storia mi ha lasciato un po’ perplessa qua e là. Non quanto la storia d’amore dai dialoghi rimbambiti, ma quanto basta. In fondo era tutto fin troppo forzatamente ritagliato su misura e incastrato alla perfezione per creare la massima opposizione possibile tra uomo triste e represso e uomo senza paura che “vive davvero”. Il che può anche essere un messaggio sacrosanto, però a me son sempre piaciute le vie di mezzo.

2 risposte a “I sogni segreti di Walter Mitty

  1. Epic Win solo per questa frase: “Perché se un uomo è un minchione, per me ha già vinto”! Fantastica. Io sono tra quelli a cui il film non è piaciuto per niente. La storia l’ho trovata esile e parecchio retorica così come la resa dei personaggi. Alla fine mi è solo sembrato un lunghissimo spot stile National Geographic di bellissimi paesaggi incontaminati e poco altro. E mi dispiace perché io a Ben Stiller voglio davvero molto bene.

  2. Sì è vero, la storia lascia a desiderare su più fronti. Però non posso farci niente, esteticamente l’ho trovato talmente bello che sono riuscita a passar sopra ai lati negativi :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.