Paradiso amaro (The descendants)

Di: Alexander Payne

Visto con un ritardo di: meno di un anno

In: inglese

IMDb

Perché sì:

– Far sorridere con un film basato su una famiglia in cui la madre è in coma dopo un grave incidente è sicuramente un merito. La soglia del cattivo gusto non viene mai oltrepassata, tant’è che a volte le parti comiche non sono immediate, anzi; ci vuole qualche secondo per capire che, in effetti, si sta ridendo. Insomma, la delicatezza prima di tutto.

– Il velo di cinismo steso su tutto il film non può che essermi particolarmente gradito: siamo belli, siamo ricchi e possiamo andare in spiaggia quando vogliamo, ma non è che sia poi tutta sta gran figata, dopo tutto.

– Il padre che cerca di riavvicinarsi alle figlie, la scoperta del tradimento, il destino delle terre di famiglia. Tutte e tre le storie trovano il loro spazio e non si sovrastano a vicenda, evitando di farmi interrogare (come spesso mi succede) su che necessità ci fosse di aggiungere pezzi di trama trascurabili.

Perché no:

– Certo, un’adolescente problematica con la madre in fin di vita e che a malapena rivolge la parola al padre diventa una ragazza matura nel giro di pochi giorni, che si prende cura della sorellina e crea una complicità più unica che rara con il genitore. Certo. Magari evitando di mettere troppa carne al fuoco con accenni mai approfonditi a droghe e alcool, e accontentandosi invece di dipingere una semplice adolescente trascurata e con un rapporto difficile con i genitori, si sarebbe rimasti nel territorio della credibilità.

– Vivere in un paradiso terrestre non è la panacea di tutti i mali, dice l’orribile voice over iniziale. Salvo poi  doversi sorbire per le due ore successive innumerevoli inquadrature di mare, fiori, casette, panorami, spiagge, scorci meravigliosi. Così, tanto per gradire.

– Due ore di cui mi sono chiesta, a fine film, se mi sarebbe rimasto qualcosa. Non ne sono sicura.

2 risposte a “Paradiso amaro (The descendants)

  1. “Salvo poi doversi sorbire per le due ore successive innumerevoli inquadrature di mare, fiori, casette, panorami, spiagge, scorci meravigliosi.”
    Si, diciamo che a visione terminata uno si mette a cercare un biglietto aereo per le Hawaii!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.